Igiene Orale


ABLATORE DEL TARTARO

 

 

La seduta di “ Igiene Orale ” consiste nella “ Ablazione del Tartaro " (pulizia della bocca dal

tartaro), il nostro nemico N°2; infatti la mancata rimozione della  “ Placca Batterica ” il vero nostro

nemico N°1, provoca un suo progressivo accumulo che si deposita sul colletto dei denti e negli

spazi interdentali (tra un dente e l'altro), calcificandosi dando origine al Tartaro.                                        

Placca batterica e tartaro, sono un vero e proprio insulto meccanico e chimico alla gengiva, che dapprima si arrossa per l'aumento di tutte le cellule del sangue addette alla nostra difesa come globuli bianchi, linfociti, macrofagi ecc., poi si ipertrofizza aumentando il suo volume che provoca uno stato di lassità (aflosciamento) e distacco della gengiva aderente (i primi 2 mm) dal dente, .

Se l'azione continua nel tempo, la placca batterica e il tartaro poi, si approfondano sempre di più, distruggendo progressivamente      l'osso e il “ Parodonto ” (sistema di sostegno formato da legamenti parodontali-osso-cemento  della radice ), con conseguente aumento della mobilità degli elementi dentari e la loro successiva perdita                

AIR FLOW

                                                                                                                                                                                          Dopo la rimozione del tartaro, se sono presenti macchie dentali, è bene non toglierle con la punta

dell'ablatore, perchè potrebbe scalfire inutilmente la superficie dello smalto danneggiandolo, questo

anche da un operatore esperto,

.Le macchie possono essete tolte con " Air Flow " un getto di bicarbonato sotto forma di polvere

e acqua spray che vaporizza sulla superficie del dente pulendola dalle macchie.

 

Un altro modo consiste nel passare con una coppetta di gomma morbida o uno spazzolino sintetico montato sul trapano e azionato a basso numero di giri passandoli con una pasta per profilassi detta  “ Polish ” che smacchia, lucida e leviga la superficie dei denti, togliento tutti i residui di sostanza come caffè, thè, tisane, nicotina e catrame, che hanno macchiato i denti, ridando il loro naturale colore.

                                SPAZZOLINO PER PROFILASSI           PASTA PER PROFILASSICOPPETTA PER PROFILASSI

 

 

 

Come unltima fase è possibile eseguire un bagno di " Fluoro in gel " che rinforza lo smalto, svolge un’azione antibatterica, ripara le superfici con carie iniziale e rallenta il processo di demineralizzazione. E’ anche conosciuto per la sua capacità di alleviare la sensibilità dentale. 

Nella stessa seduta si pone un accento particolare su quello che è la “ Prevenzione Dentale ” che mediante l'azione di una corretta igiene orale ci aiuta a prevenire malattie del cavo orale e lesioni cariose.

Con poche domade possiamo capire come e quante volte il paziente svolge la sua funzione di igiene orale non che e il tempo che riserva alla pulizia ed eventualmente correggere i movimenti della tecnica di spazzolamento che devono essere sempre fatti in direzione " GENGIVA >DENTE " .